Domenica, 19 Febbraio 2012 01:00

Volley femminile: il campionato Serie A2

Un breve viaggio alla scoperta dell’appassionante serie cadetta della pallavolo femminile

A differenza della stagione conclusasi prima dell’estate 2011, che aveva visto una formazione imbattibile farsi gioco di chiunque trovasse sulla propria strada (e che non a caso anche quest’anno nella massima categoria non sta assolutamente svolgendo il ruolo di comprimaria), durante l’attuale campionato di Serie A2 di pallavolo femminile, l’imprevisto è all’ordine del giorno: al comando della classifica, ormai da qualche settimana, si stanno alternando la Esseti La Nef Loreto e Bancareale Yoyogurt Giaveno, con la Icos Crema che non sta certo a guardare, infilando vittorie in casa e fuori, perdendo però qualche punto di troppo durante il corso della stagione, vincendo gare al tie break (che come ogni appassionato di pallavolo sa, lascia un punto alle avversarie) e perdendo alcuni scontri diretti a causa di cali di tensione e mancanza di condizione fisica (alcuni assolutamente leciti, si vedano i dieci set disputati nel giro di 72 ore contro Giaveno e Casalmaggiore).
Scorrendo ancora la classifica, anche la lotta per la zona playoff è assolutamente trafficata, con 5 formazioni che si contendono i 4 posti valevoli per alimentare la speranza di ascesa all’olimpo della pallavolo, e che ogni giornata si scambiano il posto in classifica l’una con l’altra. Formazioni che danno il tutto per tutto negli scontri diretti, lasciando però altri punti in gare sulla carta più abbordabili.
Eclatante è il caso di Biancoforno Santacroce, squadra in grado di battere con sonanti risultati la capolista Loreto (successo per 3 set a zero proprio nell’anticipo dell’ultimo turno di regular season), la Icos Crema con il risultato di 3 a 1 ribaltando lo svantaggio iniziale, e poi cadere in partite che, almeno sulla carta, non lascerebbero ombra di dubbio sulla compagine vincitrice (vedi la sonante sconfitta a Soverato e le più prevedibili sconfitte a Busnago e Casalmaggiore), salvo poi rivelare sorprese clamorose sul campo.
Tra l’ultima pretendente alla zona playoff (che al momento si trova però fuori soltanto per quoziente set, Acqua Paradiso Busnago) e la successiva squadra, si trova il primo solco di punti importante. Bisogna infatti scendere di ben nove lunghezze per incontrare l’Assitur Corriere Espresso Soverato, squadra che, sebbene non sembri avere ormai grosse pretese di poter raggiungere traguardi importanti durante questa regular season, non si è mai data per vinta in nessuna partita, in particolare quelle giocate sul campo di casa riscaldato dal pubblico locale, strappando punti preziosi anche su campi assolutamente difficili (memorabile la sconfitta subita a Crema per 3 a 2, dopo che la squadra calabra si era portata in vantaggio di ben due set).
Il gruppo centrale della classifica è molto compatto, tanto che troviamo ben otto squadre racchiuse in numero di punti molto esiguo, il che lascia sperare una serrata lotta per non retrocedere fino alla fine del campionato.
Da ultimo, sembra che il destino dei fanalini di coda Infotel Forlì e Time volley Matera sia già segnato (per la squadra romagnola anche a causa di alcuni punti persi per penalizzazione o sconfitte a tavolino sancite dalla Federazione in seguito ad un ricorso fatto prima dell’inizio del campionato). Retrocedono infatti in serie B1 le ultime tre classificate: se due posti sembrano dunque già assegnati, per il restante posto si prospetta un’avvincente battaglia dove ogni punto guadagnato a scapito delle dirette avversarie avrà il peso di un macigno, anche perché, andando avanti con le giornate, i punti in palio diventano sempre di meno.
Insomma, stiamo parlando di un campionato dove la tranquillità non è lecita, le certezze sono sempre di meno e la classifica sempre più corta. Quanto detto finora, sta infatti portando ad un costante aumento degli spettatori in tutti i palazzetti d’Italia, da Giaveno (TO) fino a Soverato (CZ), in quanto lo spettacolo e le gesta tecniche delle giocatrici sono assolutamente appassionanti e di livello eccezionale.


Francesco Fiori

OkNotizie

ULTIME INSERITE 

  • 1
  • 2
  • 3

La finale scudetto del 1910: i ragazzini…

La finale scudetto del 1910: i ragazzini della Pro Vercelli contro l’Inter

Nel 1910, anno in cui si disputa il primo campionato di calcio a girone unico, per d...

La Mitropa Cup: l’antenata delle coppe i…

La Mitropa Cup: l’antenata delle coppe internazionali

Nel 2012 ricorre il ventennale dalla disputa dell’ultima edizione della Mitropa Cup,...

Sport e cavalli: Seabiscuit, il mito sen…

Sport e cavalli: Seabiscuit, il mito senza tempo

“...Un cavallo, un cavallo, il mio regno per un cavallo!”. Questo grida Riccardo III...

Supercoppa Europea: storia di una compet…

Supercoppa Europea: storia di una competizione

La storia della Supercoppa Europea: dagli inizi fino alla recente sfida che ha viso ...

Gli stadi storici: Maracanà, un fascino …

Gli stadi storici: Maracanà, un fascino più forte dei cambiamenti

Viaggio alla scoperta di quanto ha reso noto uno degli stadi più famosi del mondo: i...

Jesse Owens: il mito dell' Atletica legg…

Jesse Owens: il mito dell' Atletica leggera

Jesse Owens, atleta statunitense vera e propria stella delle Olimpiadi di Berlino de...

Estro e sregolatezza: John McEnroe, il r…

Estro e sregolatezza: John McEnroe, il rivoluzionario del tennis

Molti campioni del tennis fanno parlare di loro per i colpi migliori, divenuti con i...

Juventus Stadium: successo o errore di s…

Juventus Stadium: successo o errore di strategia?

Accolto tra la curiosità degli addetti ai lavori e lo scetticismo di quanti remano ...

Controcorrente (noto anche come Roma-Fio…

Controcorrente (noto anche come Roma-Fiorentina)

Nel 1884 Joris-Karl Huysmans offriva al pubblico il manifesto decadentista per eccel...

La storia di Wimbledon: viaggio nel giar…

La storia di Wimbledon: viaggio nel giardino di casa del “Re”

Si è da poco conclusa la 126° edizione di Wimbledon: l' approfondimento sul tor...

NFL: il Thanksgiving Day del football

NFL: il Thanksgiving Day del football

Thanksgiving Day in America è sinonimo di sport e più precisamente di football. Tre ...

Greg Louganis: la vita sofferta del re d…

Greg Louganis: la vita sofferta del re dei tuffi

La storia di Greg Louganis, il più grande tuffatore di sempre, vincitore di 4 ori ol...

Il Rugby, un gioco primario: Mandela, Ap…

Il Rugby, un gioco primario: Mandela, Apartheid e la forza dello sport

Il rugby ed il mondiale del 1995 vinto dal paese ospitante del Sudafrica, uno dei mo...

Argentina, quando il calcio è riscatto p…

Argentina, quando il calcio è riscatto politico: i mondiali del 78 e dell' 86

Nel 1978 l'Argentina vince il Mondiale disputato tra le mura amiche: a governare il ...

La torcida dell' Hajduk Spalato: il grup…

La torcida dell' Hajduk Spalato: il gruppo ultras più antico d' Europa

In Europa il primo gruppo organizzato di tifosi nacque in Croazia, precisamente a Sp...

I Più Letti

Banner

I BLOG DI RS




ESCLUSIVE RS

interviste2

RIVISTA SPORTIVA - SLIDESHOW 

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/563281pel__.jpg

Pelè

Edson Arantes do Nascimento Pelè, 92 partite e 77 gol con la nazionale brasiliana

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/433077owens.jpg

Jesse Owens

James Cleveland Owens detto Jesse (Oakville, 12 settembre 1913 – Tucson, 31 marzo 1980) alle Olimpiadi di Berlino del 1936

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/372050platini.jpg

Michel Platini

Michel Francois Platini: 72 presenze e 41 reti con la nazionale francese

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/538899Wilt_Chamberlain.jpg

Wilt Chamberlain

Wilton Norman Chamberlain, detiene nell' Nba il record di 100 punti realizzati in un'unica partita nel marzo 1962

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/683919maradona.jpg

Diego Armando Maradona

Diego Armando Maradona, 91 presenze e 34 reti con la nazionale argentina 

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/349052villeneuve.jpg

Gilles Villeneuve

Joseph Gilles Villeneuve, cinque stagioni alla guida della Ferrari: morì nel 1982 nel Gran Premio del Belgio