Venerdì, 27 Aprile 2012 10:29

Volley: conclusi i campionati maschile e femminile

Assago, Mediolanum Forum, domenica 22 aprile 2012 si è consumato l’ultimo atto dei campionati italiani della massima serie di pallavolo, sia maschile che femminile, aprendo così le porte alla stagione preolimpica per culminare con le sfide per la conquista dell’alloro a cinque cerchi

Attendendo i grandi cambiamenti che avverranno a partire dalla prossima stagione pallavolistica, che mira ad aumentare lo spettacolo, è sicuramente interessante andare a vedere come si sono conclusi i due massimi campionati italiani: quello maschile e quello femminile. L’epilogo di questi due campionati è diametralmente opposto, per i risultati visti in campo, mentre è identico se si valuta tutto quanto è costantemente rimasto nelle orbite di questi due tornei.
Per quanto riguarda il gentil sesso, il campionato della vincitrice è facilmente paragonabile ad un treno in corsa che, nonostante gli ostacoli incontrati siano molti e alcuni anche molto difficili da sorpassare, arriva al capolinea, solo con qualche minuto di ritardo. Per quanto riguarda il campionato maschile, al contrario, una squadra si è imposta notevolmente in tutto il campionato, in tutti i playoff per capitolare nel V-day, finale secca che sancisce il vincitore del campionato.

FEMMINILE - In campo femminile si è imposta la Yamamay Busto Arsizio, che giorno dopo giorno ha acquisito consapevolezza nei suoi mezzi e, soprattutto, ha messo strati su strati di cemento tra le giocatrici, l’allenatore, lo staff tecnico, il palazzetto e il pubblico, venendo così a risultare uno squadrone imbattibile, per forza tecnica, intelligenza tattica e affiatamento tra le giocatrici. Di quanto appena detto, i numeri sono la testimonianza più eclatante: in regular season la compagine bustocca ha perso tre soli punti dei sessanta disponibili, ha perso la prima partita con un tiratissimo 3 a 2 subito a Novara quando orai aveva già matematicamente acquisito la prima posizione, ha perso la prima gara in casa alla gara 2 delle finali scudetto (quindi dopo aver superato indenne sia i quarti di finale che le semifinali playoff)… c’è bisogno di altro? L’unica “pecca” di questa cavalcata è stato soltanto il fatto di aver portato le finali scudetto fino a gara 5 (peraltro andando sotto al tie break per 14-13).

MASCHILE - In campo maschile, al contrario, la Itas Diatec Trento ha percorso, venga permesso in questo caso il paragone sportivo con la formula uno, il gran premio perfetto, distaccando la seconda classificata in regular season di 14 punti, vincendo tutte le gare dei playoff e portando a casa (in modo anche quasi scontato) i primi due set della finale secca. Proprio in questo momento la macchina della scuderia trentina buca una gomma, così che gli inseguitori marchigiani prendono coraggio rosicchiando punti, finché l’obiettivo è ben visibile. Macerata vince terzo e quarto set portando così il V-day fino ad un tie break al cardiopalma.
A questo punto, il muretto della macchina trentina ordina ai suoi piloti di rialzare velocemente la testa, mentre non c’è bisogno di parole per il muretto avversario: i piloti maceratesi, sulle ali dell’entusiasmo, volano, mordono e ringhiano non appena ne hanno l’occasione. Ne viene così fuori una vera e propria battaglia fianco a fianco, con il circuito di Assago che dà l’idea di allungarsi curva dopo, e di non lasciar vedere una fine di questa splendida gara.
Alla fine la bandiera a scacchi arriva, e al fotofinish è la Lube Banca Marche Macerata a spuntarla (20 a 22 è il risultato del tie break).  L’epilogo non è certo da ricordare per i trentini, soprattutto se si pensa all’apparentemente inarrestabile cavalcata intrapresa per tutta la stagione.

AUMENTANO SPETTATORI E APPASSIONATI -  Come accennato in precedenza se l’esito sportivo è diametralmente opposto, la cornice di pubblico che ha seguito le intere fasi finali è identica per il campionato maschile e per quello femminile. Per quanto riguarda quest’ultimo aspetto, già i numeri risultano interessantissimi: cinque gare di finale scudetto hanno portato dentro i palazzetti di Busto Arsizio e di Monza (il PalaIper è stato affittato da Villa Cortese per le finali, in quanto per queste partite cambiano i parametri di adeguatezza del palazzetto, Villa Cortese ha infatti disputato tutta la stagione fino ai quarti di finale al PalaBorsani di Castellanza) circa 25.000 mila persone, e lasciate fuori, causa sold-out costante, circa 15000.
In campo maschile, invece, il Mediolanum Forum di Assago ha ospitato 11210 persone durante il V-Day, cifra che molto raramente viene raggiunta da questo sport. Cifra ancora più sorprendente se si accenna alla distanza delle squadre dal palazzetto designato per la finale (oltre 200 kilometri da Trento e oltre 400 da Macerata).
Se l’aspetto quantitativo è sicuramente interessante, è decisamente più bello da osservare lo spettacolo offerto da tutte le tifoserie sugli spalti. Cambia il posto ma il leitmotiv non cambia: Assago, Busto Arsizio e Monza hanno mostrato una bellissima pagina del tifo italiano (a maggior ragione se si pensa che il V-Day si è disputato in concomitanza con gli spregevoli fatti di Genova durante lo scontro calcistico Genoa – Siena). I sostenitori hanno sempre e solo sostenuto gli atleti in campo per l’intera durata delle partite, senza mai lasciare spazio a cori offensivi contro gli avversari. Ma soprattutto, indipendentemente dall’esito delle partite, le tifoserie si sono sgolate fino a quando è caduto l’ultimo pallone.
Sembra inoltre incredibile il silenzio che circonda l’ultimo pallone che ha portato il titolo italiano nelle marche: il pallone era infatti caduto in campo, mentre l’arbitro ha erroneamente segnalato il contrario (in questo caso l’errore sarebbe da imputare al giudice di linea). A questo errore però, e per fortuna, non hanno seguito polemiche di nessun tipo e contro nessun tipo di giudice. Anche questo è un fortissimo indice di rispetto… come del resto si è visto per tutto il perdurare delle stagioni pallavolistiche della massima serie italiana.
I rimpianti per lo spettacolo offerto da questi campionati risultano quindi pari a zero, e la bellezza espressa in campo e fuori non fanno altro che aumentare la speranza per un risultato di spicco a Londra dalle nostre nazionali.


Francesco Fiori

OkNotizie

ULTIME INSERITE 

  • 1
  • 2
  • 3

La finale scudetto del 1910: i ragazzini…

La finale scudetto del 1910: i ragazzini della Pro Vercelli contro l’Inter

Nel 1910, anno in cui si disputa il primo campionato di calcio a girone unico, per d...

La Mitropa Cup: l’antenata delle coppe i…

La Mitropa Cup: l’antenata delle coppe internazionali

Nel 2012 ricorre il ventennale dalla disputa dell’ultima edizione della Mitropa Cup,...

Sport e cavalli: Seabiscuit, il mito sen…

Sport e cavalli: Seabiscuit, il mito senza tempo

“...Un cavallo, un cavallo, il mio regno per un cavallo!”. Questo grida Riccardo III...

Supercoppa Europea: storia di una compet…

Supercoppa Europea: storia di una competizione

La storia della Supercoppa Europea: dagli inizi fino alla recente sfida che ha viso ...

Gli stadi storici: Maracanà, un fascino …

Gli stadi storici: Maracanà, un fascino più forte dei cambiamenti

Viaggio alla scoperta di quanto ha reso noto uno degli stadi più famosi del mondo: i...

Jesse Owens: il mito dell' Atletica legg…

Jesse Owens: il mito dell' Atletica leggera

Jesse Owens, atleta statunitense vera e propria stella delle Olimpiadi di Berlino de...

Estro e sregolatezza: John McEnroe, il r…

Estro e sregolatezza: John McEnroe, il rivoluzionario del tennis

Molti campioni del tennis fanno parlare di loro per i colpi migliori, divenuti con i...

Juventus Stadium: successo o errore di s…

Juventus Stadium: successo o errore di strategia?

Accolto tra la curiosità degli addetti ai lavori e lo scetticismo di quanti remano ...

Controcorrente (noto anche come Roma-Fio…

Controcorrente (noto anche come Roma-Fiorentina)

Nel 1884 Joris-Karl Huysmans offriva al pubblico il manifesto decadentista per eccel...

La storia di Wimbledon: viaggio nel giar…

La storia di Wimbledon: viaggio nel giardino di casa del “Re”

Si è da poco conclusa la 126° edizione di Wimbledon: l' approfondimento sul tor...

NFL: il Thanksgiving Day del football

NFL: il Thanksgiving Day del football

Thanksgiving Day in America è sinonimo di sport e più precisamente di football. Tre ...

Greg Louganis: la vita sofferta del re d…

Greg Louganis: la vita sofferta del re dei tuffi

La storia di Greg Louganis, il più grande tuffatore di sempre, vincitore di 4 ori ol...

Il Rugby, un gioco primario: Mandela, Ap…

Il Rugby, un gioco primario: Mandela, Apartheid e la forza dello sport

Il rugby ed il mondiale del 1995 vinto dal paese ospitante del Sudafrica, uno dei mo...

Argentina, quando il calcio è riscatto p…

Argentina, quando il calcio è riscatto politico: i mondiali del 78 e dell' 86

Nel 1978 l'Argentina vince il Mondiale disputato tra le mura amiche: a governare il ...

La torcida dell' Hajduk Spalato: il grup…

La torcida dell' Hajduk Spalato: il gruppo ultras più antico d' Europa

In Europa il primo gruppo organizzato di tifosi nacque in Croazia, precisamente a Sp...

I Più Letti

Banner

I BLOG DI RS




ESCLUSIVE RS

interviste2

RIVISTA SPORTIVA - SLIDESHOW 

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/563281pel__.jpg

Pelè

Edson Arantes do Nascimento Pelè, 92 partite e 77 gol con la nazionale brasiliana

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/433077owens.jpg

Jesse Owens

James Cleveland Owens detto Jesse (Oakville, 12 settembre 1913 – Tucson, 31 marzo 1980) alle Olimpiadi di Berlino del 1936

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/372050platini.jpg

Michel Platini

Michel Francois Platini: 72 presenze e 41 reti con la nazionale francese

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/538899Wilt_Chamberlain.jpg

Wilt Chamberlain

Wilton Norman Chamberlain, detiene nell' Nba il record di 100 punti realizzati in un'unica partita nel marzo 1962

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/683919maradona.jpg

Diego Armando Maradona

Diego Armando Maradona, 91 presenze e 34 reti con la nazionale argentina 

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/349052villeneuve.jpg

Gilles Villeneuve

Joseph Gilles Villeneuve, cinque stagioni alla guida della Ferrari: morì nel 1982 nel Gran Premio del Belgio