Venerdì, 16 Dicembre 2011 15:52

Volley, Rocco Barone a RS: "da Vibo al sogno olimpico"

Rocco Barone, centrale della Callipo Volley Vibo Valentia e della nazionale, si racconta a Rivista Sportiva, tra nazionale e ambizioni future.


Barone, innanzitutto tanti auguri [24 anni compiuti ieri]. Sei l’unico giocatore calabrese dell’unica squadra calabrese a giocare in serie A negli sport maggiori. Cosa significa per te questo?
“Grazie degli auguri, speriamo di festeggiare in campo dopo la disfatta di domenica scorsa. Per quanto riguarda la Calabria, per me rappresentare questa terra, la mia regione, è motivo di immenso orgoglio. Essere, in questo senso, il primo rappresentante della regione mi da grande gioia, ma nel contempo rappresenta una responsabilità in più. È mio dovere dare l’esempio in campo e fuori, cercando di comportarmi sempre da professionista, come del resto faccio.”
Sei originario di Palmi. Quanto conta lo sport come fenomeno di “evasione” in una realtà così difficile come quella di Palmi?

“Lo sport è fondamentale. Dalle mie parti molti giovani non hanno davvero niente da fare e credo che rispetto a passare interi pomeriggi davanti alla tv o alla playstation, quando non anche in attività meno legali, praticare uno sport sia essenziale. Il volley, come altre discipline del resto, può aiutare tanti giovani a migliorare il proprio di stile attraverso il contatto con gli altri, la socializzazione.”
Hai avuto l’onore e l’onere di indossare l’azzurro della nazionale. Ci racconti cosa hai provato e cosa significa per te giocare per la nazionale?

“È un qualcosa di unico, è chiaro. Descrivere l’emozione che si prova è impossibile. Giocare in world league vale più di uno scudetto. Rappresenta un punto di arrivo per un atleta, ti da la consapevolezza del fatto che stai facendo bene, ma nel contempo ti stimola a fare ancora di più per rappresentare al meglio la tua nazione.”
A tal proposito, l’oro ai giochi del mediterraneo è stata la tua miglior soddisfazione in carriera?

“Si, senza dubbio. Si è trattato, tra l’altro, di un oro che mancava alla pallavolo maschile italiana da tanti anni. Il secondo posto di quest’anno ai campionati europei è stata una grande soddisfazione, ma la vittoria del 2009 rappresenta per me qualcosa di indescrivibile. Se ripenso alla finale e all’ultima palla giocata mi vengono ancora oggi i brividi. In quella competizione si viveva un’atmosfera magica e giocavamo un po’ anche per le vittime del terremoto di Abruzzo, che personalmente mi aveva scosso parecchio.”
E la più grande delusione? L’esclusione dalla coppa del mondo 2011?

“Si, fu una delusione, ma non la più grande. La retrocessione di Vibo in A2 nel 2007 all’ultima giornata mi lasciò un grande amaro in bocca. Si salvò Padova in un incrocio di risultati piuttosto strani che adesso non voglio neanche stare qua a ricordare. L’esclusione dal 2011 mi ha senz’altro dato un dispiacere, ma ho sinceramente tifato per i compagni che hanno fatto un ottimo lavoro e il quarto posto finale è stato tutto sommato un risultato accettabile. Tuttavia in quel periodo stavo facendo molto bene e ovviamente una convocazione mi avrebbe fatto piacere. Ma il mister e la Federazione decisero di puntare su giocatori più esperti e io mi ritrovai ad essere il primo escluso.”
Restando alla nazionale, qual è quella a tuo avviso più forte degli ultimi 25 anni?

“Non c’è dubbio, la nazionale dei “fenomeni”, Giani, Bernardi, Gardini e company. Personalmente non l’ho vissuta, essendo troppo giovane, ma dai racconti di tutti e dalle immagini di repertorio posso dire che quella squadra ha rappresentato qualcosa di unico e di difficilmente ripetibile. Mi auguro ovviamente di sbagliarmi, nella speranza che il volley italiano possa tornare a quei livelli, ma devo ammettere che stiamo vivendo un momento non facilissimo. Ci sono troppe persone che predicano bene e razzolano male, giocano troppi stranieri nonostante si parli tanto di puntare sui giovani. Il movimento, quindi, è inevitabilmente in calo e chi deve capirlo finge forse di non capirlo. Sono dispiaciuto, lo dico con il cuore in mano, ma da giovane giocatore cerco fiducia – che senz’altro c’è – e poi però si trovano davanti giocatori di 35 anni e a livello di nazionale ti trovi poi a giocare contro Serbia o Polonia, ad esempio, che in campo schierano ragazzi di 21 anni. Ma da noi si continuano a comprare solo stranieri e quindi c’è poco spazio per i giovani.”
Quale invece il giocatore che più ti ha ispirato da bambino?

“Rispondo Andrea Giani senza esitazioni. Intanto perché è stato fortissimo e giocava nel mio stesso ruolo. Ogni volta chiedevo di poter indossare il numero 13, reso tanto celebre proprio da Giani. E poi perché ho avuto la fortuna di conoscerlo e di averlo come assistente allenatore in nazionale, e ricevere consigli da uno come lui è qualcosa di unico.”
Chi vincerà il campionato? E qual è l’obiettivo della Callipo?

“Credo che a giocarsi la vittoria siano Trento, Macerata e Cuneo, ma con la nuova formula dei playoff può davvero succedere di tutto. Per quanto riguarda noi, cercheremo ovviamente di fare del nostro meglio per raggiungere un piazzamento che possa offrirci l’entrata in un girone più abbordabile di playoff.”
Chi sono i tre giocatori più forti in Italia, oggi?

“Direi Juantorena e Kaziysky di Trento, e Mastrangelo di Cuneo, che gioca nel mio ruolo e da centrale è il più forte al mondo a mio avviso.”
Cosa prevedi per la tua carriera futura? Pensi di andare a giocare al nord prima o poi? O credi che anche Vibo un giorno potrà lottare seriamente per il titolo?

“Non lo so, ho recentemente rinnovato con Vibo per altri tre anni e qui sto davvero bene. Personalmente voglio sempre migliorare e lottare per vincere. Se la possibilità ci sarà, tanto meglio, altrimenti se mai nascerà un’esigenza di sedersi al tavolino con la società, lo faremo. Ma qui sto davvero bene e sono circondato da gente fantastica e tifosi straordinari. Inoltre sono vicino a casa mia e credo anche con la squadra possiamo fare bene e raggiungere buoni risultati.”
Tornando alla nazionale, ci sono ancora chance di vedere gli azzurri ai giochi olimpici di Londra? Hai parlato con Berruto? Pensi di poter fare parte della eventuale spedizione? Come vivresti un’avventura del genere?

“No, con Berruto non ho parlato, ma spero vivamente che la nazionale si qualifichi. È vero però che a Londra si va in 12, e nel mio ruolo saranno 3, per cui per me non sarà facilissimo, considerando che ci sono già nomi del calibro di Mastrangelo, Birarelli, Buti e anche Fei. Per cui ci spero, ma so anche che loro sono forse più avanti di me. Giocare le olimpiadi sarebbe per me meraviglioso, rappresenterebbe forse l’emozione più grande da vivere a livello sportivo.”
In chiusura, cosa pensi dell’iniziativa di Rivista Sportiva, di dare spazio anche a sport minori e a campioni non sempre conosciuti al grande pubblico?

“Lo ammetto, fa molto piacere vedere che esistono realtà che danno spazio anche a sport meno mediatici. Il volley in questo momento sta vivendo un exploit piuttosto importante e per una rivista trattare tutti gli sport significa possibilità di entrare in contatto con tante realtà differenti, con finalità aggreganti. Sono contento di essere stato intervistato da Rivista Sportiva e spero di venire presto a trovarvi in redazione!”

 

Gianfabio Florio

OkNotizie

ULTIME INSERITE 

  • 1
  • 2
  • 3

La finale scudetto del 1910: i ragazzini…

La finale scudetto del 1910: i ragazzini della Pro Vercelli contro l’Inter

Nel 1910, anno in cui si disputa il primo campionato di calcio a girone unico, per d...

La Mitropa Cup: l’antenata delle coppe i…

La Mitropa Cup: l’antenata delle coppe internazionali

Nel 2012 ricorre il ventennale dalla disputa dell’ultima edizione della Mitropa Cup,...

Sport e cavalli: Seabiscuit, il mito sen…

Sport e cavalli: Seabiscuit, il mito senza tempo

“...Un cavallo, un cavallo, il mio regno per un cavallo!”. Questo grida Riccardo III...

Supercoppa Europea: storia di una compet…

Supercoppa Europea: storia di una competizione

La storia della Supercoppa Europea: dagli inizi fino alla recente sfida che ha viso ...

Gli stadi storici: Maracanà, un fascino …

Gli stadi storici: Maracanà, un fascino più forte dei cambiamenti

Viaggio alla scoperta di quanto ha reso noto uno degli stadi più famosi del mondo: i...

Jesse Owens: il mito dell' Atletica legg…

Jesse Owens: il mito dell' Atletica leggera

Jesse Owens, atleta statunitense vera e propria stella delle Olimpiadi di Berlino de...

Estro e sregolatezza: John McEnroe, il r…

Estro e sregolatezza: John McEnroe, il rivoluzionario del tennis

Molti campioni del tennis fanno parlare di loro per i colpi migliori, divenuti con i...

Juventus Stadium: successo o errore di s…

Juventus Stadium: successo o errore di strategia?

Accolto tra la curiosità degli addetti ai lavori e lo scetticismo di quanti remano ...

Controcorrente (noto anche come Roma-Fio…

Controcorrente (noto anche come Roma-Fiorentina)

Nel 1884 Joris-Karl Huysmans offriva al pubblico il manifesto decadentista per eccel...

La storia di Wimbledon: viaggio nel giar…

La storia di Wimbledon: viaggio nel giardino di casa del “Re”

Si è da poco conclusa la 126° edizione di Wimbledon: l' approfondimento sul tor...

NFL: il Thanksgiving Day del football

NFL: il Thanksgiving Day del football

Thanksgiving Day in America è sinonimo di sport e più precisamente di football. Tre ...

Greg Louganis: la vita sofferta del re d…

Greg Louganis: la vita sofferta del re dei tuffi

La storia di Greg Louganis, il più grande tuffatore di sempre, vincitore di 4 ori ol...

Il Rugby, un gioco primario: Mandela, Ap…

Il Rugby, un gioco primario: Mandela, Apartheid e la forza dello sport

Il rugby ed il mondiale del 1995 vinto dal paese ospitante del Sudafrica, uno dei mo...

Argentina, quando il calcio è riscatto p…

Argentina, quando il calcio è riscatto politico: i mondiali del 78 e dell' 86

Nel 1978 l'Argentina vince il Mondiale disputato tra le mura amiche: a governare il ...

La torcida dell' Hajduk Spalato: il grup…

La torcida dell' Hajduk Spalato: il gruppo ultras più antico d' Europa

In Europa il primo gruppo organizzato di tifosi nacque in Croazia, precisamente a Sp...

I Più Letti

Banner

I BLOG DI RS




ESCLUSIVE RS

interviste2

RIVISTA SPORTIVA - SLIDESHOW 

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/563281pel__.jpg

Pelè

Edson Arantes do Nascimento Pelè, 92 partite e 77 gol con la nazionale brasiliana

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/433077owens.jpg

Jesse Owens

James Cleveland Owens detto Jesse (Oakville, 12 settembre 1913 – Tucson, 31 marzo 1980) alle Olimpiadi di Berlino del 1936

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/372050platini.jpg

Michel Platini

Michel Francois Platini: 72 presenze e 41 reti con la nazionale francese

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/538899Wilt_Chamberlain.jpg

Wilt Chamberlain

Wilton Norman Chamberlain, detiene nell' Nba il record di 100 punti realizzati in un'unica partita nel marzo 1962

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/683919maradona.jpg

Diego Armando Maradona

Diego Armando Maradona, 91 presenze e 34 reti con la nazionale argentina 

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/349052villeneuve.jpg

Gilles Villeneuve

Joseph Gilles Villeneuve, cinque stagioni alla guida della Ferrari: morì nel 1982 nel Gran Premio del Belgio