Martedì, 26 Giugno 2012 13:12

Bentornato River Plate: i Millionarios tornano in prima divisione

Il River Plate dopo la clamorosa retrocessione della scorsa stragione, prima nella sua gloriosa storia, torna in Primera Division guidato da Almeyda: si ripeterà quindi la grande sfida con gli odiati rivali del Boca. Perché, piú del River in se, all' Argentina è mancato questo: il momento dello scontro, della battaglia tra i piú forti.

Secondo il libro dei sogni, il numero 73 corrisponde all'ospedale. Se i punti serviti al River Plate per uscire dall' "incubo primera"  sono esattamente eguali a quello cifra, un motivo, seppur cabalistico, ci sarà.
Dopo 363 giorni dallo spareggio perso con il Belgrano, "los Millionarios" tornano sul palcoscenico principale. Il club piú titolato in Argentina, con 33 titoli, saluta vittorioso il viaggio annuale in purgatorio. Ad accompagnarlo, non ci sono stati Dante o Virgilio: corsa, lotta, e tanta, tantissima pressione. Fino alla fine, fino ai festeggiamenti. Già , perché anche nella giornata di celebrazione, 75 feriti ( fra cui 25 poliziotti ) sono finiti sui taccuini dei telegiornali.
Torna nella massima serie, la banda guidata da Almeyda. Una squadra compatta, non troppo spettacolare, ma con una base solida per ripartire con i giusti presupposti. La spina dorsale  Maidana-Aguirre-Dominguez-Cavenaghi, aggiunta ai gol di Trezeguet (13 in 19 partite) e ai giovani Cirigliano e Ocampos ha creato un mix vincente, laborioso, e raramente distratto.
La Primera ritorna grazie al 2-0 nei confronti del club Alumni, quello dei fratelli Brown. Riprenderà la vera routine argentina: un popolo in ansia per un evento,quello del classico contro il Boca Juniors. Entrambe datate 1905 da emigranti genovesi. Al quartiere di Nunez, l'appellativo appiccicato dagli "Xeneises" e' quello di "Gallinas". Il motivo non fu solo il mero piacere di puntellare un barrio (quartiere) poco amico con  una presa in giro: tra il 1957 e il 1975 il River Plate arrivó secondo in campionato. E se per 11 anni a fila, si ripete una situazione come questa, vien fin troppo facile chiamarti "pollo".
La rivalità dei borghesi-proletari contro i ricchi paperoni. Perché piú del River in se, all' Argentina e' mancato questo: il momento dello scontro, della battaglia tra i piú forti. Per quanto si odi il proprio rivale, senza di esso non si diventerà mai degli eroi. Il superclasico. Quello del 15 ottobre 1972 é rimasto sicuramente nella storia: River Plate-Boca Juniors 5-4. Un match epico, per tantissimi versi.
Héber dopo neanche un minuto firmó l'1-0. All'ottavo i padroni di casa allungavano con Mas: 2-0. Neanche il tempo di gioire; minuti 24 e 43: Curioni prima, Ponce poi sembravano chiudere sul 2-2 un primo tempo già sufficientemente assurdo. Ma c'e' ancora tempo per rovesciare le cose: Potente, su un errore di posizionamento della retroguardia del River, incrocia con un sinistro ravvicinato: 2-3! Riposo. La banda e' scossa. Erano quindici anni che non si portava un titolo a casa. E il 4-0 subito nel quartiere di famiglia proprio dai rivali era inciso nella memoria di tutti. I ricordi e gli incubi riaffioravano, come un vortice.
Inizia la ripresa. 2-4. Potente, di nuovo. Incredibile. Il calcio è una moneta illogica. Le situazioni piú bizzarre colorano di magia uno sport soprendente. E siccome siamo in Argentina, nel vero e proprio derby del Paese, può succedere qualsiasi cosa. Mas e Morete in cinque minuti pareggiano i conti. 4-4. Restavano 28 minuti sull'orologio dell'arbitro. Poi il fischio finale. Ma non poteva finire così. Non succede piú nulla per tutto quell'intervallo. Il direttore di gara medita già sulla lunghezza del recupero. 60 secondi ancora. Ultima azione. Attacca il River Plate con una manovra sviluppata magistralmente sull'esterno. Cross in area. Morete anticipa tutti, anche il pallone. 5-4.
Quell'incontro sancì il ritorno del River Plate. Che come oggi, si rivede di nuovo inserito nel registro che conta. Il team dei Sivori, dei Di Stefano, e dei più recenti Ariel Ortega, Marcelo Salas, Julio Cruz, Pablo Aimar, Hernan Crespo, Gonzalo Higuain. La squadra delle 2 Libertadores e della coppa intercontinentale del 1986. E soprattutto il club del Monumental: 66.449 posti di nuovo a saltare per i traguardi piú prestigiosi.
E' tornato il River Plate; nel suo habitat naturale. La vita é un ciclo che si ripete,e per quanto tu sfugga dal tuo contesto, alla fine la verità ritorna, eternamente. Trepidanti, di nuovo, in attesa dell'inizio del campionato.


Tommaso Fasoli

OkNotizie

ULTIME INSERITE 

  • 1
  • 2
  • 3

La finale scudetto del 1910: i ragazzini…

La finale scudetto del 1910: i ragazzini della Pro Vercelli contro l’Inter

Nel 1910, anno in cui si disputa il primo campionato di calcio a girone unico, per d...

La Mitropa Cup: l’antenata delle coppe i…

La Mitropa Cup: l’antenata delle coppe internazionali

Nel 2012 ricorre il ventennale dalla disputa dell’ultima edizione della Mitropa Cup,...

Sport e cavalli: Seabiscuit, il mito sen…

Sport e cavalli: Seabiscuit, il mito senza tempo

“...Un cavallo, un cavallo, il mio regno per un cavallo!”. Questo grida Riccardo III...

Supercoppa Europea: storia di una compet…

Supercoppa Europea: storia di una competizione

La storia della Supercoppa Europea: dagli inizi fino alla recente sfida che ha viso ...

Gli stadi storici: Maracanà, un fascino …

Gli stadi storici: Maracanà, un fascino più forte dei cambiamenti

Viaggio alla scoperta di quanto ha reso noto uno degli stadi più famosi del mondo: i...

Jesse Owens: il mito dell' Atletica legg…

Jesse Owens: il mito dell' Atletica leggera

Jesse Owens, atleta statunitense vera e propria stella delle Olimpiadi di Berlino de...

Estro e sregolatezza: John McEnroe, il r…

Estro e sregolatezza: John McEnroe, il rivoluzionario del tennis

Molti campioni del tennis fanno parlare di loro per i colpi migliori, divenuti con i...

Juventus Stadium: successo o errore di s…

Juventus Stadium: successo o errore di strategia?

Accolto tra la curiosità degli addetti ai lavori e lo scetticismo di quanti remano ...

Controcorrente (noto anche come Roma-Fio…

Controcorrente (noto anche come Roma-Fiorentina)

Nel 1884 Joris-Karl Huysmans offriva al pubblico il manifesto decadentista per eccel...

La storia di Wimbledon: viaggio nel giar…

La storia di Wimbledon: viaggio nel giardino di casa del “Re”

Si è da poco conclusa la 126° edizione di Wimbledon: l' approfondimento sul tor...

NFL: il Thanksgiving Day del football

NFL: il Thanksgiving Day del football

Thanksgiving Day in America è sinonimo di sport e più precisamente di football. Tre ...

Greg Louganis: la vita sofferta del re d…

Greg Louganis: la vita sofferta del re dei tuffi

La storia di Greg Louganis, il più grande tuffatore di sempre, vincitore di 4 ori ol...

Il Rugby, un gioco primario: Mandela, Ap…

Il Rugby, un gioco primario: Mandela, Apartheid e la forza dello sport

Il rugby ed il mondiale del 1995 vinto dal paese ospitante del Sudafrica, uno dei mo...

Argentina, quando il calcio è riscatto p…

Argentina, quando il calcio è riscatto politico: i mondiali del 78 e dell' 86

Nel 1978 l'Argentina vince il Mondiale disputato tra le mura amiche: a governare il ...

La torcida dell' Hajduk Spalato: il grup…

La torcida dell' Hajduk Spalato: il gruppo ultras più antico d' Europa

In Europa il primo gruppo organizzato di tifosi nacque in Croazia, precisamente a Sp...

I Più Letti

Banner

I BLOG DI RS




ESCLUSIVE RS

interviste2

RIVISTA SPORTIVA - SLIDESHOW 

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/563281pel__.jpg

Pelè

Edson Arantes do Nascimento Pelè, 92 partite e 77 gol con la nazionale brasiliana

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/433077owens.jpg

Jesse Owens

James Cleveland Owens detto Jesse (Oakville, 12 settembre 1913 – Tucson, 31 marzo 1980) alle Olimpiadi di Berlino del 1936

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/372050platini.jpg

Michel Platini

Michel Francois Platini: 72 presenze e 41 reti con la nazionale francese

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/538899Wilt_Chamberlain.jpg

Wilt Chamberlain

Wilton Norman Chamberlain, detiene nell' Nba il record di 100 punti realizzati in un'unica partita nel marzo 1962

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/683919maradona.jpg

Diego Armando Maradona

Diego Armando Maradona, 91 presenze e 34 reti con la nazionale argentina 

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/349052villeneuve.jpg

Gilles Villeneuve

Joseph Gilles Villeneuve, cinque stagioni alla guida della Ferrari: morì nel 1982 nel Gran Premio del Belgio