Venerdì, 29 Giugno 2012 11:46

Finale Libertadores: Boca Juniors-Corinthians, fine primo set

La 53ª edizione del torneo piú prestigioso del Sudamerica è arrivata alla fase finale: a contendersi la prestigiosa coppa Libertadores, gli argentini del Boca juniors ed i brasiliani del Corinthians

KATABASI - LA DISCESA NEGLI INFERI. In una cornice, verosimilmente associabile alla settima del Purgatorio, tra fuoco e passione, va in scena l'andata della finale di Libertadores.  49.000 salti, muovono, letteralmente, all'unisono, una regione intera.
La 53ª edizione del torneo piú prestigioso del Sudamerica parte da Buenos Aires, coordinata Bombonera. Boca e Corinthians a confronto. La prima, già sei volte campione, insegue effettivamente due obiettivi: uno di tipo "paritario", ovverosia eguagliare le 7 coppe della detentrice Indipendiente; l'altro, legato strettamente al ranking: 18 a 18 la sfida ravvicinata con il Milan. Vincendo questa battaglia, il Boca sarebbe la prima della classe. 
I brasiliani, invece, detentori del marchio nazionale, si ritrovano al loro esordio assoluto in una finale di Libertadores. In questo torneo ancora esenti dal concetto di sconfitta: 7 vittorie, 5 pareggi. 3 gol subiti. 
L'ultima volta a vincere da imbattuta, fu neanche a dirlo, proprio il Boca Juniors, 37 anni fa. Gli Xeneises giocano la loro sesta finale negli ultimi 15 anni. Il confronto basato sull'esperienza é schiacciante. Ma non sarebbe la prima volta che l'allievo batte il maestro. 

LA TATTICA - Le due squadra giunte in finale sono caratterizzate da due situazioni di gioco all'opposto, ma non troppo difficili da comprendere. Procediamo per ordine. Il club di Falcioni, schierato regolarmente col 4-3-Riquelme-2, sviluppa la manovra in maniera abbastanza regolare: si parte da destra, dove Rivero appoggia la posizione di Somoza, palla a Roman nella trequarti, che a quel punto ha sempre due soluzioni: inventarsi una giocata "cieca" tra i centrali difensivi, sul blocco di Silva e l'inserimento di Mouche; o allargare a sinistra dove il propositivo Clemente Rodriguez (4 Libertadores in bacheca) si sovrappone con Erviti.  
Tite, invece, prevede un europeizzazione non tanto sul piano del possesso palla, quanto sulla linea verticale. Si gioca con la difesa molto bassa a 4, e Ralf davanti a fare da schermo. I terzini bloccati, i centrali Chicão e L.Castan, con un lancio preciso di 25-30 il primo, 35-40 metri il secondo. Si riparte così: uno di quei due lancia sulla trequarti dove J.Henrique-Alex-Emerson si trovano posizionati alle spalle di Danilo, tutto fuorché una prima punta. La palla arriva, e i 4 si muovono solo in orizzontale. Emerson a creare la superiorità (è l'unico che ha il dovere di tentare l'uno contro uno) e a memoria Alex-Henrique-Danilo girano in tono orizzontale sulla linea di passaggio. L'inserimento é di Paulinho, il mediano di coppia a Ralf. Effettivamente fa lui la prima punta quando il Corinthians parte in contropiede. 

LE PALLE INATTIVE - La chiave di volta. Il punto fermo di entrambe le squadre. Roman ha in mano tutti i palloni da fermo. Indica prima di calciare a chi arriverà quel cross, e regolarmente, tu chiamato in causa, sei incaricato di colpire una sfera che giunge perfettamente (2 volte su 3 il ricevitore è Schiavi). A quel punto, difendersi é solo una questione di concentrazione: marcatura a uomo.
Strano che il gol del vantaggio arrivi, invece, da un angolo di Mouche. Impreparata la difesa, sul cross che fa il giro inverso (Mouche é un mancino e calciando da sinistra dai un taglio "all'incontrario") Schiavi tocca di testa, Silva prolunga, Chicão manda sul palo goffamente  di mano,di testa,di tutto). Roncaglia è lí, approfitta del rimbalzo del palo favorevole, e calcia con tutta la sua potenza un pallone che è già in gol.  Il Timâo di soluzioni su palla inattive ne ha due: Alex o Chicão. Mai sfruttate a dovere nel corso del match.

IL PAREGGIO - Al 37 del secondo tempo, arriva il terzo cambio per i brasiliani. Fuori Danilo, dentro Romario Ricardo da Silva "Romarinho". Autore di due rete nel derby contro il Palmeiras del weekend (vinto 2-1 dal "Corinthians B"), impiega 3 minuti per ripetersi. Per conoscere il Timâo è sufficiente questa azione: pressing di Paulinho, che recupera il pallone sulla copertura adiacente di Ralf, passaggio verticale sul movimento centrale di Emerson: il brasiliano evita Caruzzo, filtrante per Romarinho, sulla "ruota" di Liedson, (Schiavi in ritardo), tocco delicato a superare Orion. Tac-Tac-Tac. Tre tocchi, in verticale. Il Corinthians va in porta "solo" in questo modo. 

LO SCENARIO
- É stata la partita che ci si aspettava. Pochi, addirittura, in Sudamerica, prospettavano dei gol; ma, a dire la verità, se ci sono stati dei marcatori, il premio va attribuito al Boca Juniors. La partita si é sbloccata dopo i primi minuti del secondo tempo: i padroni di casa, hanno capito che sei vuoi pungere un team che difende a 4+1 costantemente bisogno muovere quelli davanti, alzare di 5-10 metri le mezzale, e un supporto continuo dei due terzini. Li é cambiata la partita: Ralf e Paulinho da soli non potevano contrastare allo stesso tempo due avversari. E allora, Alessandro e Fabio Santos, costretti al raddoppio, lasciavano lo spazio per gli inserimenti. Certo, di tiri, ne sono arrivati pochi (Riquelme, sul tocco di Somoza- il giocatore piú efficiente sul piano della concretezza di tutto il Boca- e Mouche non troppi minuti piú tardi) ma l'occasione del gol se si é presentata, non é stata frutto del caso. 
Gli Xeneises hanno gestito male il vantaggio, anche se contenere una squadra che si sta ribaltando totalmente per centrare il pareggio (poi conseguito) non é mai facile.


Boca Juniors
: Orion ; Roncaglia Schiavi Caruzzo Rodriguez; Ledesma (Rivero) Somoza Erviti; Riquelme; Silva (Viatri) Mouche (Cvitanich) 
Corinthians: Cassio; Alessandro; Chicão L.Castan F.Santos; Ralf Paulinho; Henrique (Liedson) Alex (Wallace) Emerson ; Danilo (Romarinho).


Tommaso Fasoli

OkNotizie

ULTIME INSERITE 

  • 1
  • 2
  • 3

La finale scudetto del 1910: i ragazzini…

La finale scudetto del 1910: i ragazzini della Pro Vercelli contro l’Inter

Nel 1910, anno in cui si disputa il primo campionato di calcio a girone unico, per d...

La Mitropa Cup: l’antenata delle coppe i…

La Mitropa Cup: l’antenata delle coppe internazionali

Nel 2012 ricorre il ventennale dalla disputa dell’ultima edizione della Mitropa Cup,...

Sport e cavalli: Seabiscuit, il mito sen…

Sport e cavalli: Seabiscuit, il mito senza tempo

“...Un cavallo, un cavallo, il mio regno per un cavallo!”. Questo grida Riccardo III...

Supercoppa Europea: storia di una compet…

Supercoppa Europea: storia di una competizione

La storia della Supercoppa Europea: dagli inizi fino alla recente sfida che ha viso ...

Gli stadi storici: Maracanà, un fascino …

Gli stadi storici: Maracanà, un fascino più forte dei cambiamenti

Viaggio alla scoperta di quanto ha reso noto uno degli stadi più famosi del mondo: i...

Jesse Owens: il mito dell' Atletica legg…

Jesse Owens: il mito dell' Atletica leggera

Jesse Owens, atleta statunitense vera e propria stella delle Olimpiadi di Berlino de...

Estro e sregolatezza: John McEnroe, il r…

Estro e sregolatezza: John McEnroe, il rivoluzionario del tennis

Molti campioni del tennis fanno parlare di loro per i colpi migliori, divenuti con i...

Juventus Stadium: successo o errore di s…

Juventus Stadium: successo o errore di strategia?

Accolto tra la curiosità degli addetti ai lavori e lo scetticismo di quanti remano ...

Controcorrente (noto anche come Roma-Fio…

Controcorrente (noto anche come Roma-Fiorentina)

Nel 1884 Joris-Karl Huysmans offriva al pubblico il manifesto decadentista per eccel...

La storia di Wimbledon: viaggio nel giar…

La storia di Wimbledon: viaggio nel giardino di casa del “Re”

Si è da poco conclusa la 126° edizione di Wimbledon: l' approfondimento sul tor...

NFL: il Thanksgiving Day del football

NFL: il Thanksgiving Day del football

Thanksgiving Day in America è sinonimo di sport e più precisamente di football. Tre ...

Greg Louganis: la vita sofferta del re d…

Greg Louganis: la vita sofferta del re dei tuffi

La storia di Greg Louganis, il più grande tuffatore di sempre, vincitore di 4 ori ol...

Il Rugby, un gioco primario: Mandela, Ap…

Il Rugby, un gioco primario: Mandela, Apartheid e la forza dello sport

Il rugby ed il mondiale del 1995 vinto dal paese ospitante del Sudafrica, uno dei mo...

Argentina, quando il calcio è riscatto p…

Argentina, quando il calcio è riscatto politico: i mondiali del 78 e dell' 86

Nel 1978 l'Argentina vince il Mondiale disputato tra le mura amiche: a governare il ...

La torcida dell' Hajduk Spalato: il grup…

La torcida dell' Hajduk Spalato: il gruppo ultras più antico d' Europa

In Europa il primo gruppo organizzato di tifosi nacque in Croazia, precisamente a Sp...

I Più Letti

Banner

I BLOG DI RS




ESCLUSIVE RS

interviste2

RIVISTA SPORTIVA - SLIDESHOW 

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/563281pel__.jpg

Pelè

Edson Arantes do Nascimento Pelè, 92 partite e 77 gol con la nazionale brasiliana

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/433077owens.jpg

Jesse Owens

James Cleveland Owens detto Jesse (Oakville, 12 settembre 1913 – Tucson, 31 marzo 1980) alle Olimpiadi di Berlino del 1936

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/372050platini.jpg

Michel Platini

Michel Francois Platini: 72 presenze e 41 reti con la nazionale francese

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/538899Wilt_Chamberlain.jpg

Wilt Chamberlain

Wilton Norman Chamberlain, detiene nell' Nba il record di 100 punti realizzati in un'unica partita nel marzo 1962

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/683919maradona.jpg

Diego Armando Maradona

Diego Armando Maradona, 91 presenze e 34 reti con la nazionale argentina 

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/349052villeneuve.jpg

Gilles Villeneuve

Joseph Gilles Villeneuve, cinque stagioni alla guida della Ferrari: morì nel 1982 nel Gran Premio del Belgio