Venerdì, 06 Luglio 2012 17:30

Coppa Libertadores: La prima volta del Corinthians

Il Corinthians si aggiudica la Coppa Libertadores superando il Boca Juniors: vittoria per 2 a 0 nel ritorno dopo l' 1 a 1 dell' andata

"Si può dire cosí: prima di Alamein non avevamo mai vinto, dopo Alamein non perdemmo piú." Se il Timâo ha avuto anche solo un pensiero dopo la finale, esso non si discosta piú di tanto da quello formulato da W.Churchill. Contesti estremamente opposti, ma il fondamento è sempre lo stesso. Nel momento in cui vinci una battaglia importante, il senso immediato è quello di onnipotenza. E quando succede per la prima volta, è chiaro che la cornice assume una tonalità verosimilmente aurea. 
È arrivata. La Libertadores sbarca a San Paolo, nella Rua Dos Imigrantes, dove gli operai di San Francisco diedero a vita al Corinthians: 2-0, al Boca Juniors. Reduci dall'1-1 dell'andata, il fattore campo ha influenzato in maniera decisiva l'incontro. Non solo: gli argentini venivano da questa partita scarichi dopo un'annata vissuta ai 100 km/h. Nella prima parte dell'anno la vittoria dell'Apertura spazzando gli avversari con facilitá disarmante.
La seconda parte si fa piú intensa: le partite iniziano a sommarsi, la luce dei trofei crea pressione nelle gambe. Riquelme e Schiavi non sono piú dei ragazzini. Ma il Boca gioca su questi due: se mancano le colonne, il tempio cade al primo colpo di vento.
Nulla da dire, invece, sul presunto fatto motivazionale. Conditio sine qua non. Da una parte c'era chi, fanciullino, assaporava il fascino della novità; dall'altro, chi poteva salire in cima al mondo per quantità di trofei internazionali vinti.
La partita è stata abbastanza equilibrata nella prima parte di gara. Il Corinthians ha subito leggermente l'emozione, ma non in modo così drastico, concedendo  qualche verticalizzazione tra la linea difensiva e quella appesa a Ralf. Nulla di piú. Il Boca non è mai stato in grado di comandare. Non c'era la forza fisica e soprattutto la convinzione di prendere la partita per mano. Un club, che da un triplete possibile, sta trasformando ogni sogno in un incubo. Clausura e Libertadores buttate, resta solo la coppa nazionale. Ad Agosto, contro il Racing. 
La squadra di Tite, invece, molto compatta. Un undici che trova la sua base di ripartizione - per dirla in termini aziendalistici - nell'equilibrio. Un collettivo ben quadrato, senza sbavature o tocchi di troppo. Tutti, a memoria, sanno cosa e dove andare. È il club che gioca ad ordine: da questo punto di vista il migliore di tutto il Sudamerica. Non ci sono fenomeni, assolutamente. Qualche buon giocatore, che se diretto come si deve, puó stare all'interno di un club europeo (piú Castan di Paulinho). 
E poi ci sono i gol di Emerson. Il simbolo di questo Corinthians: corsa, potenza, applicazione. Sblocca la partita nella ripresa su una situazione sviluppata da palla inattiva. Gli Xeneises non difendono di reparto: a un metro da F.Sosa, ognuno marca un uomo, o prova a farlo, senza alcun rispetto di una linea, di una distanza, di un sistema. Cross dalla destra, leggera respinta della retroguardia che sale in maniera del tutto casuale, Somoza non intuisce il tempo di passaggio, tacco di Danilo, destro di Emerson. Gol. 1-0. Finita.
Si, da quel momento tutto si è acceso e spento. Si aspettava solo il fischio dell'arbitro,anche se di minuti ne mancavano 35. Il vero turbamento non è tanto quello di essere in svantaggio, ma piuttosto quello di sottrarsi al combattimento. E il Boca Juniors si è totalmente messo da parte. La vittoria è passeggera, ma la sconfitta rimane per sempre. Ed è stato straziante vedere un club di quel rango senza il minimo fiato per aggredire. Roman ha salutato, già nel corso della finale. Pure lui si è considerato "altro". Lui che ha sempre disegnato figure perfette con la palla tra i piedi. 
L'errore di Schiavi, poi, racconta con perfetta grafia il racconto della partita. Altro eroe che lascia con un errore, grammaticalmente da censurare. Passaggio, del tutto distratto, a Emerson, che bruciando Caruzzo in velocità, infila per la seconda volta la porta Xeneise. È mancata una squadra che ce l'ha messa tutta per arrivare in fondo, ma non per saltare l'ultimo ostacolo. In Brasile, adesso, è festa grande. Dopo il campionato dello scorso anno, ecco la Libertadores. I vinti contro gli sconfitti. 
Eraclito ci lasciava ricordandoci che il giorno e la notte sono esattamente la stessa cosa.  E non ci si impiega molto a capire il perchè.


Tommaso Fasoli

OkNotizie

ULTIME INSERITE 

  • 1
  • 2
  • 3

La finale scudetto del 1910: i ragazzini…

La finale scudetto del 1910: i ragazzini della Pro Vercelli contro l’Inter

Nel 1910, anno in cui si disputa il primo campionato di calcio a girone unico, per d...

La Mitropa Cup: l’antenata delle coppe i…

La Mitropa Cup: l’antenata delle coppe internazionali

Nel 2012 ricorre il ventennale dalla disputa dell’ultima edizione della Mitropa Cup,...

Sport e cavalli: Seabiscuit, il mito sen…

Sport e cavalli: Seabiscuit, il mito senza tempo

“...Un cavallo, un cavallo, il mio regno per un cavallo!”. Questo grida Riccardo III...

Supercoppa Europea: storia di una compet…

Supercoppa Europea: storia di una competizione

La storia della Supercoppa Europea: dagli inizi fino alla recente sfida che ha viso ...

Gli stadi storici: Maracanà, un fascino …

Gli stadi storici: Maracanà, un fascino più forte dei cambiamenti

Viaggio alla scoperta di quanto ha reso noto uno degli stadi più famosi del mondo: i...

Jesse Owens: il mito dell' Atletica legg…

Jesse Owens: il mito dell' Atletica leggera

Jesse Owens, atleta statunitense vera e propria stella delle Olimpiadi di Berlino de...

Estro e sregolatezza: John McEnroe, il r…

Estro e sregolatezza: John McEnroe, il rivoluzionario del tennis

Molti campioni del tennis fanno parlare di loro per i colpi migliori, divenuti con i...

Juventus Stadium: successo o errore di s…

Juventus Stadium: successo o errore di strategia?

Accolto tra la curiosità degli addetti ai lavori e lo scetticismo di quanti remano ...

Controcorrente (noto anche come Roma-Fio…

Controcorrente (noto anche come Roma-Fiorentina)

Nel 1884 Joris-Karl Huysmans offriva al pubblico il manifesto decadentista per eccel...

La storia di Wimbledon: viaggio nel giar…

La storia di Wimbledon: viaggio nel giardino di casa del “Re”

Si è da poco conclusa la 126° edizione di Wimbledon: l' approfondimento sul tor...

NFL: il Thanksgiving Day del football

NFL: il Thanksgiving Day del football

Thanksgiving Day in America è sinonimo di sport e più precisamente di football. Tre ...

Greg Louganis: la vita sofferta del re d…

Greg Louganis: la vita sofferta del re dei tuffi

La storia di Greg Louganis, il più grande tuffatore di sempre, vincitore di 4 ori ol...

Il Rugby, un gioco primario: Mandela, Ap…

Il Rugby, un gioco primario: Mandela, Apartheid e la forza dello sport

Il rugby ed il mondiale del 1995 vinto dal paese ospitante del Sudafrica, uno dei mo...

Argentina, quando il calcio è riscatto p…

Argentina, quando il calcio è riscatto politico: i mondiali del 78 e dell' 86

Nel 1978 l'Argentina vince il Mondiale disputato tra le mura amiche: a governare il ...

La torcida dell' Hajduk Spalato: il grup…

La torcida dell' Hajduk Spalato: il gruppo ultras più antico d' Europa

In Europa il primo gruppo organizzato di tifosi nacque in Croazia, precisamente a Sp...

I Più Letti

Banner

I BLOG DI RS




ESCLUSIVE RS

interviste2

RIVISTA SPORTIVA - SLIDESHOW 

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/563281pel__.jpg

Pelè

Edson Arantes do Nascimento Pelè, 92 partite e 77 gol con la nazionale brasiliana

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/433077owens.jpg

Jesse Owens

James Cleveland Owens detto Jesse (Oakville, 12 settembre 1913 – Tucson, 31 marzo 1980) alle Olimpiadi di Berlino del 1936

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/372050platini.jpg

Michel Platini

Michel Francois Platini: 72 presenze e 41 reti con la nazionale francese

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/538899Wilt_Chamberlain.jpg

Wilt Chamberlain

Wilton Norman Chamberlain, detiene nell' Nba il record di 100 punti realizzati in un'unica partita nel marzo 1962

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/683919maradona.jpg

Diego Armando Maradona

Diego Armando Maradona, 91 presenze e 34 reti con la nazionale argentina 

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/349052villeneuve.jpg

Gilles Villeneuve

Joseph Gilles Villeneuve, cinque stagioni alla guida della Ferrari: morì nel 1982 nel Gran Premio del Belgio