Lunedì, 13 Agosto 2012 17:30

Olimpiadi: un Messico dorato piega il Brasile

Nancy Hartwell, scrittrice statunitense,scriveva inconsapevolmente la miglior chiave di lettura della vittoria messicana alle olimpiadi di calcio: "Forse me la sto cavando meglio di quanto non creda". 


Ai giochi di Londra la medaglia d'oro va agli Estados Unidos Mexicanos. Chi ci avrebbe creduto, a parte la speranza dei tifosi. Eppure, il calcio non è cosí strano. In qualche modo ci lascia una verità. Nascosta, impercettibile, ma esiste. Il ct Tena ha disposto una squadra organizzata, compatta, veloce e diretta (ovverosia, non troppo affidata ai contorni, seppur bella da osservare).
Un under 23 che propone tre fuori quota di perfetto collaudo: il portiere Corona, il centrocampista (difensore) Salcido, e l'attaccante Peralta. I giovani interessanti come Aquino, Mier, Fabian, Enriquez. Senza dimenticare Dos Santos, che ormai (ha 23 anni!) si timbra nuovamente un talento fenomenale, incompiuto. La finale la vede dalla panchina per 90 minuti. 
Dall'altra parte il Brasile, che piú o meno è quello "originale". Quello pronto per divenire imprendibile ai prossimi mondiali. La base sicura, che doveva spaccare a metà un Olimpiade non impossibile. Ma il DNA non si modifica, l'indole resta la stessa, sempre. Non esiste probabilmente squadra con un divario massacrante tra situazione offensiva e difensiva come quella. Un disequilibrio che non è applicato, non è voluto, ma insito.
Senza andare direttamente al riferimento della finale, prendiamo visione del match contro la Corea. Partita vinta, 4 gol segnati. Eppure l'approccio alla marcatura non riesce. Nel giropalla avversario, i brasiliani colgono in ritardo l'accompagnamento, la posizione, quei due passi in piú che cambiano totalmente la chiusura di una traiettoria. Senza il buon Thiago Silva dietro, questa squadra rischia di concludere le partite con risultati cestistici. 
Se alla fine il Messico porta a casa l'oro olimpico (il Brasile non ci è mai riuscito nella storia, tre argenti e due bronzi) non c'è da prendere un colpo.  Il gol arriva dopo circa 30 secondi, quando un errore clamoroso di Rafael (il solito discorso: gestisci meravigliosamente la palla tra i piedi, ma cadi in errori di misura per il tuo organismo poco pratico) permette al pressing messicano di portarsi in vantaggio. Il raddoppio, su calcio da fermo, lo segna ancora Peralta. 28 anni, punta centrale. Presente dal punto di vista fisico, sa correre dietro ai difensori in possesso palla, lavora di squadra, e sente la porta. Eppure milita nel Santos Laguna, in patria. Bah. 
Accorcia le distanze il gigante Hulk, quando ormai la partita è stata già cristallizzata. Lancio disperato di Marcelo, la difesa legge male il rimbalzo, il numero dodici brasiliano infila tra le gambe Corona. 
Il ct Menezes ora rischia, stando a quanto si vocifera. In effetti il Brasile si era gettato in un'orbita che chiamava a dovere la vittoria. Era un dogma, e non poteva essere altrimenti. Thiago Silva, Neymar, Pato non li vantano in molti. 
Eppure, ancora una volta, il colore ha avuto la meglio sull'Ordem e Progresso che tanto inneggia la bandiera verde oro. Ha vinto sicuramente l'essere ció che si è: giocatori mostruosi, ma incostanti nel risultato. Ronaldo, Ronaldinho, Rivaldo. Solo per ricordare tre R spettacolari, ma difficilmente continui nella loro carriera (infortuni a parte). Attenti, peró. Nel momento in cui raggiungono il picco- perchè al di là di tutto lo raggiungono- sono infermabili. 
La speranza adesso è Brasile 2014. Il Messico, che vedrà anche Hernandez e Vela nella rosa, presenzierà con entusiasmo, costanza e bel gioco. Di nuovo non favoriti - un pó come l'Uruguay- ma mai banali nelle loro partecipazioni.


Tommaso Fasoli

OkNotizie

ULTIME INSERITE 

  • 1
  • 2
  • 3

La finale scudetto del 1910: i ragazzini…

La finale scudetto del 1910: i ragazzini della Pro Vercelli contro l’Inter

Nel 1910, anno in cui si disputa il primo campionato di calcio a girone unico, per d...

La Mitropa Cup: l’antenata delle coppe i…

La Mitropa Cup: l’antenata delle coppe internazionali

Nel 2012 ricorre il ventennale dalla disputa dell’ultima edizione della Mitropa Cup,...

Sport e cavalli: Seabiscuit, il mito sen…

Sport e cavalli: Seabiscuit, il mito senza tempo

“...Un cavallo, un cavallo, il mio regno per un cavallo!”. Questo grida Riccardo III...

Supercoppa Europea: storia di una compet…

Supercoppa Europea: storia di una competizione

La storia della Supercoppa Europea: dagli inizi fino alla recente sfida che ha viso ...

Gli stadi storici: Maracanà, un fascino …

Gli stadi storici: Maracanà, un fascino più forte dei cambiamenti

Viaggio alla scoperta di quanto ha reso noto uno degli stadi più famosi del mondo: i...

Jesse Owens: il mito dell' Atletica legg…

Jesse Owens: il mito dell' Atletica leggera

Jesse Owens, atleta statunitense vera e propria stella delle Olimpiadi di Berlino de...

Estro e sregolatezza: John McEnroe, il r…

Estro e sregolatezza: John McEnroe, il rivoluzionario del tennis

Molti campioni del tennis fanno parlare di loro per i colpi migliori, divenuti con i...

Juventus Stadium: successo o errore di s…

Juventus Stadium: successo o errore di strategia?

Accolto tra la curiosità degli addetti ai lavori e lo scetticismo di quanti remano ...

Controcorrente (noto anche come Roma-Fio…

Controcorrente (noto anche come Roma-Fiorentina)

Nel 1884 Joris-Karl Huysmans offriva al pubblico il manifesto decadentista per eccel...

La storia di Wimbledon: viaggio nel giar…

La storia di Wimbledon: viaggio nel giardino di casa del “Re”

Si è da poco conclusa la 126° edizione di Wimbledon: l' approfondimento sul tor...

NFL: il Thanksgiving Day del football

NFL: il Thanksgiving Day del football

Thanksgiving Day in America è sinonimo di sport e più precisamente di football. Tre ...

Greg Louganis: la vita sofferta del re d…

Greg Louganis: la vita sofferta del re dei tuffi

La storia di Greg Louganis, il più grande tuffatore di sempre, vincitore di 4 ori ol...

Il Rugby, un gioco primario: Mandela, Ap…

Il Rugby, un gioco primario: Mandela, Apartheid e la forza dello sport

Il rugby ed il mondiale del 1995 vinto dal paese ospitante del Sudafrica, uno dei mo...

Argentina, quando il calcio è riscatto p…

Argentina, quando il calcio è riscatto politico: i mondiali del 78 e dell' 86

Nel 1978 l'Argentina vince il Mondiale disputato tra le mura amiche: a governare il ...

La torcida dell' Hajduk Spalato: il grup…

La torcida dell' Hajduk Spalato: il gruppo ultras più antico d' Europa

In Europa il primo gruppo organizzato di tifosi nacque in Croazia, precisamente a Sp...

I Più Letti

Banner

I BLOG DI RS




ESCLUSIVE RS

interviste2

RIVISTA SPORTIVA - SLIDESHOW 

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/563281pel__.jpg

Pelè

Edson Arantes do Nascimento Pelè, 92 partite e 77 gol con la nazionale brasiliana

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/433077owens.jpg

Jesse Owens

James Cleveland Owens detto Jesse (Oakville, 12 settembre 1913 – Tucson, 31 marzo 1980) alle Olimpiadi di Berlino del 1936

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/372050platini.jpg

Michel Platini

Michel Francois Platini: 72 presenze e 41 reti con la nazionale francese

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/538899Wilt_Chamberlain.jpg

Wilt Chamberlain

Wilton Norman Chamberlain, detiene nell' Nba il record di 100 punti realizzati in un'unica partita nel marzo 1962

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/683919maradona.jpg

Diego Armando Maradona

Diego Armando Maradona, 91 presenze e 34 reti con la nazionale argentina 

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/349052villeneuve.jpg

Gilles Villeneuve

Joseph Gilles Villeneuve, cinque stagioni alla guida della Ferrari: morì nel 1982 nel Gran Premio del Belgio