Martedì, 26 Giugno 2012 11:23

I Top 11 dei quarti di finale degli Europei

La nostra formazione con i migliori 11 dei quarti di finale dell’Europeo: il sogno a portata di cucchiaio!

Ci siamo. Con il sipario calato sui quarti il traguardo diventa sempre più vicino, a portata di sogno. Quattro nazionali, ad oggi le più forti del panorama calcistico europeo (per lo meno così ha sentenziato il campo, giudice supremo), che daranno il massimo per conquistare il pass e giocarsi il primo luglio quella finale tanto sognata e ora tanto vicina.
Ronaldo ha eliminato la R.Ceca e continua il suo personalissimo show. Due pali e il gol vincente. Bene, bravo, tris: ora anche la classifica marcatori è alla sua portata. Cristiano ha trascinato il Portogallo alla semifinale di Donetsk, che potrebbe rivelarsi la rivincita del mondiale sudafricano, dove la Spagna lo fece fuori negli ottavi (1-0). Ad attenderlo, appunto, quella Roja e quei catalani (Pique, Iniesta e Xavi su tutti) che proveranno ad infliggere ulteriori dispiaceri al talento portoghese. Spagna che ha eliminato una Francia a dir poco rinunciataria con il minimo indispensabile e i due gol di Xabi Alonso, compagno di squadra di Ronaldo.
L’altra semifinale sarà Italia-Germania. Ancora ed inesorabilmente Italia – Germania. Tedeschi che forse hanno faticato più del previsto ad eliminare una Grecia che ha resistito per oltre 45 minuti al gioco fiammeggiante dei ragazzi terribili di Low. E l’Italia? Beh i nostri azzurri troveranno una Germania visibilmente provati, con 120 minuti sulle gambe e con due giorni in meno di riposo.
Ma la banda Prandelli è carica, e la gioia per aver eliminato l’Inghilterra catenacciara di Roy Hodgson è una spinta in più a non fermarsi sul più bello. Avrebbe strameritato di vincere nei minuti regolamentari, se solo Balotelli e compagni avessero trasformato in rete almeno una delle tante occasioni da gol create, ma la sofferenza rende ancor più bella la notizia di questa straordinaria vittoria. C'è un'Italia che vince. Vince col cuore, con classe, con grinta. E perché no vince anche grazie a quel cucchiaio di Pirlo che è diventato l’emblema di tutto l’Europeo azzurro.
Giovedì 28 a Varsavia ci toccano i tedeschi. Sarebbe bello dimostrare che non ci servono lezioni. Italia e Germania rievocano emozioni indimenticabili. Dal famoso 4-3 del 1970 al recentissimo 2-0 di Dortmund. Sono forti, d'accordo, ma dopo la vittoria contro l’Inghilterra, per l’Italia di Prandelli il limite è il cielo.
La squadra da noi selezionata per i top 11 dei quarti, è un 3-5-2 molto equilibrato, con 2 registi come Xabi Alonso e Pirlo e con due punte, Ronaldo e Klose, che si completano a vicenda. A guidarli il nostro Cesare Prandelli, bravo a credere e a strutturare un gruppo vincente. I top dei quarti sono:

Formazione (3-5-2): Buffon (Italia); S.Ramos (Spagna), Bonucci (Italia), Lahm; (Germania); Diamanti (Italia), Xabi Alonso (Spagna), Pirlo (Italia), Khedira (Germania), Jordi Alba (Spagna); Klose (Germania), C. Ronaldo (Portogallo).
Allenatore: Prandelli


In porta come non inserire Gianlugi Buffon. Il capitano degli azzurri con il uso discorso prima della lotteria dei calci di rigore ha spronato i suoi ragazzi a continuare ad accarezzare il sogno europeo. E’ sua la manona che arpiona il tiro da vicino di Johnson. Per il resto sta corricchia su se stesso, gli inglesi girano al largo. Infine para il rigore della svolta, quello su Cole. I grandi portieri si notano anche e soprattutto nei momenti chiave e Gigi non può che non esserlo.
In difesa troviamo un terzino fludificante come Lahm e un centrale come S. Ramos, da noi inserito sulla fascia destra. Il tedesco percorre i sentieri intasati da Ninis e gli riesce un gol (il 5˚ in 90 presenze) simile a quello con cui apri il Mondiale 2006. E’ il gol che apre la partita con un numero che, a essere sinceri, non dovrebbe appartenere al repertorio di un difensore. Pallone sul piede destro, leggera convergenza dalla fascia sinistra al centro, botta secca di collo che va a insaccarsi proprio nell’angolino. Gol magnifico. Nel gesto tecnico c’è la potenza e c’è la precisione; lo spagnolo, intanto, in attesa di CR7 non lascia spazi a Benzema. Non gli sfugge nulla, quando c’è un problema, lui lo risolve.
Come centrale abbiamo selezionato il “nostro” Bonucci, autore della partita che non ti aspetti. Deciso, ma non sbruffone. Elegante, ma non svampito. Sbroglia più di un intreccio. Non si fa impressionare da Rooney, che al suo cospetto in più di un’occasione rimedia la figura del brocco. Un Bonucci che cammina sulle sue gambe, senza bisogno degli aiuti dei compagni.
A centrocampo spazio ai polmoni di Khedira. Il tedesco segna il secondo gol in nazionale, altro segno della sua prestazione eccellente non solo contro la Grecia ma in tutto il torneo. E’ il miglior centrocampista della Germania, finora. Al suo fianco due registi del calibro di Pirlo e Xabi Alonso. Per lo spagnolo partita da manuale: due gol, impenetrabile e solidale in difesa, lucido in impostazione. E’ l’hombre del partido.
Per Pirlo non ci sono più parole per descrivere la sua spazialità. E’ una costante delle nostre top 11 e dopo quel cucchiaio offerto a sua maestà l’Inghilterra è pronto anche ad insidiare Ronaldo sul podio del Pallone d’Oro. Contro l’Irlanda si era preso una serata di riposo. Giusto, anche Pirlo ha diritto di staccare. A Kiev si è rivisto il comandante che conosciamo. Lo scavetto dal dischetto è lo sberleffo a Sua Maestà, ed è bello che sia questo gesto tecnico, e non tante parole, a sintetizzare la sua prestazione.
Sulle fasce abbiamo scelto due “emergenti”: Diamanti che con il suo ingresso in campo ha dato una svolta a tutti gli azzurri. Il toscano viene da una carriera in salita. Fino a pochi anni fa remava nel mare magnum dell’ex Serie C. Adesso entra nel quarto di un Europeo, e si concede il lusso di colpire un palo e di segnare il rigore decisivo, come Grosso in Germania. Che sfrontatezza, che personalità. Vai Diamantino; e poi Jordi Alba, guarda caso entrato nel mirino del Barça. Il giocatore del Valencia, contro la Francia, non è il migliore in campo solo perché Xabi Alonso fa il mostro. Azzera Debuchy e Reveillere dominando la fascia e offrendo al compagno l’assist del gol. Decisivo per far sbriciolare le certezze francesi.
In attacco c’è il solito Ronaldo, affiancato da Miro Klose, titolare contro la Grecia al posto di Gomez. L’extraterrestre CR7 realizza un gran gol da centravanti (dove potrebbe anche giocare per dare un attacco al Portogallo), colpisce due pali e ha la voglia di spaccare il mondo. Sa che il Pallone d’oro passa dall’Euro. E ci crede. Ma come dargli torto con questi numeri: 69 gol in 68 partire, chi non ci crederebbe??!! Al suo fianco il laziale che con tre partite di ritardo diventa l’unico padrone dell’attacco tedesco. Infila il 64˚ gol per la Germania e ora Gerd Muller e a sole quattro lunghezze. Vorrebbe l’Italia. Per Low è tempo di scelte.
A guidare questa super squadra Cesare Prandelli. Con lui il nostro calcio ha svoltato e la dimostrazione è l’aver preso l’Inghilterra per il collo, sbattendola di qua e di là. Ora l’Italia è davvero pronta per conquistare l’Europa.
Mercoledì 27 spazio alle semifinali: l’Europeo incombe nei sogni di portoghesi, spagnoli, tedeschi ed italiani, ad oggi guidati da un solo imperativo: non svegliarsi!


Fabio Trallo

OkNotizie

ULTIME INSERITE 

  • 1
  • 2
  • 3

La finale scudetto del 1910: i ragazzini…

La finale scudetto del 1910: i ragazzini della Pro Vercelli contro l’Inter

Nel 1910, anno in cui si disputa il primo campionato di calcio a girone unico, per d...

La Mitropa Cup: l’antenata delle coppe i…

La Mitropa Cup: l’antenata delle coppe internazionali

Nel 2012 ricorre il ventennale dalla disputa dell’ultima edizione della Mitropa Cup,...

Sport e cavalli: Seabiscuit, il mito sen…

Sport e cavalli: Seabiscuit, il mito senza tempo

“...Un cavallo, un cavallo, il mio regno per un cavallo!”. Questo grida Riccardo III...

Supercoppa Europea: storia di una compet…

Supercoppa Europea: storia di una competizione

La storia della Supercoppa Europea: dagli inizi fino alla recente sfida che ha viso ...

Gli stadi storici: Maracanà, un fascino …

Gli stadi storici: Maracanà, un fascino più forte dei cambiamenti

Viaggio alla scoperta di quanto ha reso noto uno degli stadi più famosi del mondo: i...

Jesse Owens: il mito dell' Atletica legg…

Jesse Owens: il mito dell' Atletica leggera

Jesse Owens, atleta statunitense vera e propria stella delle Olimpiadi di Berlino de...

Estro e sregolatezza: John McEnroe, il r…

Estro e sregolatezza: John McEnroe, il rivoluzionario del tennis

Molti campioni del tennis fanno parlare di loro per i colpi migliori, divenuti con i...

Juventus Stadium: successo o errore di s…

Juventus Stadium: successo o errore di strategia?

Accolto tra la curiosità degli addetti ai lavori e lo scetticismo di quanti remano ...

Controcorrente (noto anche come Roma-Fio…

Controcorrente (noto anche come Roma-Fiorentina)

Nel 1884 Joris-Karl Huysmans offriva al pubblico il manifesto decadentista per eccel...

La storia di Wimbledon: viaggio nel giar…

La storia di Wimbledon: viaggio nel giardino di casa del “Re”

Si è da poco conclusa la 126° edizione di Wimbledon: l' approfondimento sul tor...

NFL: il Thanksgiving Day del football

NFL: il Thanksgiving Day del football

Thanksgiving Day in America è sinonimo di sport e più precisamente di football. Tre ...

Greg Louganis: la vita sofferta del re d…

Greg Louganis: la vita sofferta del re dei tuffi

La storia di Greg Louganis, il più grande tuffatore di sempre, vincitore di 4 ori ol...

Il Rugby, un gioco primario: Mandela, Ap…

Il Rugby, un gioco primario: Mandela, Apartheid e la forza dello sport

Il rugby ed il mondiale del 1995 vinto dal paese ospitante del Sudafrica, uno dei mo...

Argentina, quando il calcio è riscatto p…

Argentina, quando il calcio è riscatto politico: i mondiali del 78 e dell' 86

Nel 1978 l'Argentina vince il Mondiale disputato tra le mura amiche: a governare il ...

La torcida dell' Hajduk Spalato: il grup…

La torcida dell' Hajduk Spalato: il gruppo ultras più antico d' Europa

In Europa il primo gruppo organizzato di tifosi nacque in Croazia, precisamente a Sp...

I Più Letti

Banner

I BLOG DI RS




ESCLUSIVE RS

interviste2

RIVISTA SPORTIVA - SLIDESHOW 

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/563281pel__.jpg

Pelè

Edson Arantes do Nascimento Pelè, 92 partite e 77 gol con la nazionale brasiliana

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/433077owens.jpg

Jesse Owens

James Cleveland Owens detto Jesse (Oakville, 12 settembre 1913 – Tucson, 31 marzo 1980) alle Olimpiadi di Berlino del 1936

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/372050platini.jpg

Michel Platini

Michel Francois Platini: 72 presenze e 41 reti con la nazionale francese

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/538899Wilt_Chamberlain.jpg

Wilt Chamberlain

Wilton Norman Chamberlain, detiene nell' Nba il record di 100 punti realizzati in un'unica partita nel marzo 1962

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/683919maradona.jpg

Diego Armando Maradona

Diego Armando Maradona, 91 presenze e 34 reti con la nazionale argentina 

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/349052villeneuve.jpg

Gilles Villeneuve

Joseph Gilles Villeneuve, cinque stagioni alla guida della Ferrari: morì nel 1982 nel Gran Premio del Belgio