Venerdì, 27 Gennaio 2012 17:07

Fiorentina - Pistoiese, 1954: la partita sospesa causa Ufo

La partita del 1954 tra Fiorentina e Pisa è passata alla storia per un fatto clamoroso e ancora oggi inspiegabile


La storia del calcio è ricca di gare rinviate. Anche nel campionato italiano, nonostante il clima favorevole del belpaese, si può assistere facilmente ad episodi simili dovuti a volte alla neve, altre alla nebbia o alla pioggia, fino ad arrivare persino al vento. Anche invasioni di campo o fughe di notizie che causano problemi di ordine pubblico sono state motivo di sospensioni, ma ciò che accadde nel corso di Fiorentina-Pistoiese del 1954 ha del clamoroso.
Allo Stadio Comunale di Firenze si sta disputando una gara del campionato riserve, una competizione sfruttata dai club per far scendere in campo i calciatori che trovavano poco spazio nella massima serie e magari per far allenare anche i cosiddetti titolari. La Fiorentina, allenata dal mitico Fulvio Bernardini, quel giorno decide di schierare in campo nel primo tempo tutti i titolari e nella ripresa tutte le riserve. Nelle fila viola ci sono ben otto giocatori che nella stagione successiva avrebbero vinto lo scudetto. La Pistoiese, che all’epoca militava in Quarta Serie, aveva il ruolo di sparring partner e nessuno avrebbe mai immaginato che a distanza di quasi 60 anni qualcuno ancora si potesse ricordare di quella gara.
A far passare alla storia il match è un episodio paranormale, un evento riportato su tutti i giornali dell’epoca e che ancor oggi suscita scalpore. Infatti,alle 14.20 del 27 ottobre 1954 nel cielo di Firenze appaiono oltre 20 oggetti volanti. Sembrano procedere in formazione. Sfrecciano a velocità altissima da Nord Ovest a Sud Est, dalle Cascine verso Rovezzano. Alcuni hanno l'aspetto di ali d'aquila, altri sono a forma di goccia e gli ultimi dei veri e propri dischi piatti, bianchi e lucenti.
All'inizio del secondo tempo della gara l'intero stadio, improvvisamente, inizia a mormorare al punto tale che l'arbitro è costretto a interrompere la partita. Il ricordo dei calciatori è vivido: 11 minuti fermi ad osservare, insieme a tutto il pubblico, le evoluzioni degli oggetti volanti che eseguono alcune manovre acrobatiche e sfrecciano via muovendosi a zig zag.
Dopo l'avvistamento per oltre mezz’ora, Firenze viene ricoperta da una sorta di neve appiccicosa che al contatto con le mani si smaterializza. Uno studente di ingegneria riesce a raccoglierne un campione e a farlo analizzare dalla facoltà di chimica. Il professor Canneri esegue una spettrografia sui filamenti che risultano composti prevalentemente di Boro e Silicio. Alcuni biologi sostengono che si tratti di una particolare ragnatela prodotta da una specie di aracnide migratore che sfrutta le correnti aeree per i propri spostamenti. Secondo altri sarebbero residui chimici delle lavorazioni tessili dispersi in atmosfera. Per altri ancora potrebbero essere frammenti di una paglia antiradar usata dagli aerei negli anni '50.
Nessuna di queste ipotesi riesce però a spiegare come una quantità così grande sia potuta cadere su un'unica città in un sologiorno. Ma ecco alcune testimonianze dirette di alcuni spettatori, raccolte dal quotidiano La Nazione il giorno successivo all'avvenimento:
"Ho un ricordo vivissimo, personale. Avevo sette anni e mio nonno mi portò allo stadio. Ricordo che fosse un mercoledì e la partita fosse del campionato riserve, competizione che non esiste ora più. Mio nonno era un navigante, era capitano sui mercantili e dovendo tornare a Genova per imbarcarsi, non avrebbe potuto vedere la partita della domenica successiva. Cosi' mi portò allo stadio per godersi comunque, una partita, prima di ripartire. Se ben ricordo, l'ingresso era solo in tribuna; comunque ero lì e vidi benissimo i dischi sopra la torre di Maratona ad una altezza non eccessiva. Poi cominciò a cadere la lanuggine ed io, come altri, fummo incuriositi e ci portammo fuori della copertura della tribuna per vedere bene di cosa si trattasse. Così, con mio nonno, toccammo quella cosa, ma appena toccata spariva, senza lasciare traccia”.
Dell'episodio si parla diffusamente in un volume della Corrado Tedeschi Editore, casa editrice non dedita soltanto all'enigmistica tascabile, ma anche ai fenomeni paranormali (pubblica, o pubblicava, ad esempio, anche il famoso "Giornale dei Misteri").

Gli schieramenti delle due squadre erano i seguenti:

Fiorentina (Primo Tempo): Costagliola, Magnini, Cervato, Chiappella, Rosetta, Segato, Mariani, Gren, Virgili, Gratton, Bizzarri.

Fiorentina (Secondo Tempo): Sarti, Capucci, Del Gratta, Scaramucci, Biagi, Orzan, Luna, Tassinari, Ghersetich, Buzzin, Vidal (campione del Mondo con l’Uruguay nel 1950).

Pistoiese: Vadi, Pierallini, Vettori, Caiumi, Tuci (capitano), Lomi, Balsimelli, Lenci Carpini, D. Vannucchi, Fossi.


Marco Morgante

OkNotizie

ULTIME INSERITE 

  • 1
  • 2
  • 3

La finale scudetto del 1910: i ragazzini…

La finale scudetto del 1910: i ragazzini della Pro Vercelli contro l’Inter

Nel 1910, anno in cui si disputa il primo campionato di calcio a girone unico, per d...

La Mitropa Cup: l’antenata delle coppe i…

La Mitropa Cup: l’antenata delle coppe internazionali

Nel 2012 ricorre il ventennale dalla disputa dell’ultima edizione della Mitropa Cup,...

Sport e cavalli: Seabiscuit, il mito sen…

Sport e cavalli: Seabiscuit, il mito senza tempo

“...Un cavallo, un cavallo, il mio regno per un cavallo!”. Questo grida Riccardo III...

Supercoppa Europea: storia di una compet…

Supercoppa Europea: storia di una competizione

La storia della Supercoppa Europea: dagli inizi fino alla recente sfida che ha viso ...

Gli stadi storici: Maracanà, un fascino …

Gli stadi storici: Maracanà, un fascino più forte dei cambiamenti

Viaggio alla scoperta di quanto ha reso noto uno degli stadi più famosi del mondo: i...

Jesse Owens: il mito dell' Atletica legg…

Jesse Owens: il mito dell' Atletica leggera

Jesse Owens, atleta statunitense vera e propria stella delle Olimpiadi di Berlino de...

Estro e sregolatezza: John McEnroe, il r…

Estro e sregolatezza: John McEnroe, il rivoluzionario del tennis

Molti campioni del tennis fanno parlare di loro per i colpi migliori, divenuti con i...

Juventus Stadium: successo o errore di s…

Juventus Stadium: successo o errore di strategia?

Accolto tra la curiosità degli addetti ai lavori e lo scetticismo di quanti remano ...

Controcorrente (noto anche come Roma-Fio…

Controcorrente (noto anche come Roma-Fiorentina)

Nel 1884 Joris-Karl Huysmans offriva al pubblico il manifesto decadentista per eccel...

La storia di Wimbledon: viaggio nel giar…

La storia di Wimbledon: viaggio nel giardino di casa del “Re”

Si è da poco conclusa la 126° edizione di Wimbledon: l' approfondimento sul tor...

NFL: il Thanksgiving Day del football

NFL: il Thanksgiving Day del football

Thanksgiving Day in America è sinonimo di sport e più precisamente di football. Tre ...

Greg Louganis: la vita sofferta del re d…

Greg Louganis: la vita sofferta del re dei tuffi

La storia di Greg Louganis, il più grande tuffatore di sempre, vincitore di 4 ori ol...

Il Rugby, un gioco primario: Mandela, Ap…

Il Rugby, un gioco primario: Mandela, Apartheid e la forza dello sport

Il rugby ed il mondiale del 1995 vinto dal paese ospitante del Sudafrica, uno dei mo...

Argentina, quando il calcio è riscatto p…

Argentina, quando il calcio è riscatto politico: i mondiali del 78 e dell' 86

Nel 1978 l'Argentina vince il Mondiale disputato tra le mura amiche: a governare il ...

La torcida dell' Hajduk Spalato: il grup…

La torcida dell' Hajduk Spalato: il gruppo ultras più antico d' Europa

In Europa il primo gruppo organizzato di tifosi nacque in Croazia, precisamente a Sp...

I Più Letti

Banner

I BLOG DI RS




ESCLUSIVE RS

interviste2

RIVISTA SPORTIVA - SLIDESHOW 

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/563281pel__.jpg

Pelè

Edson Arantes do Nascimento Pelè, 92 partite e 77 gol con la nazionale brasiliana

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/433077owens.jpg

Jesse Owens

James Cleveland Owens detto Jesse (Oakville, 12 settembre 1913 – Tucson, 31 marzo 1980) alle Olimpiadi di Berlino del 1936

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/372050platini.jpg

Michel Platini

Michel Francois Platini: 72 presenze e 41 reti con la nazionale francese

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/538899Wilt_Chamberlain.jpg

Wilt Chamberlain

Wilton Norman Chamberlain, detiene nell' Nba il record di 100 punti realizzati in un'unica partita nel marzo 1962

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/683919maradona.jpg

Diego Armando Maradona

Diego Armando Maradona, 91 presenze e 34 reti con la nazionale argentina 

http://www.rivistasportiva.com/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/349052villeneuve.jpg

Gilles Villeneuve

Joseph Gilles Villeneuve, cinque stagioni alla guida della Ferrari: morì nel 1982 nel Gran Premio del Belgio